La sterlina soffre, Johnson riaccende i timori di una hard Brexit

La sterlina oscilla poco al di sopra del minimo di quattro mesi negli scambi della mattinata europea di questo venerdì, i timori per la Brexit tornano a perseguitare la valuta dopo un mese di relativa calma.

Alle 03:00 ET (07:00 GMT), la sterlina si attesta a 1,2786 dollari e scende a 1,1432 contro l’euro, nei timori che il Regno Unito possa ancora lasciare l’UE senza alcun tipo di accordo ad ammorbidire la transizione.

La sterlina è scesa quando Theresa May ha riferito ai colleghi del partito che fisserà una tempistica per la sua uscita di scena il mese prossimo, a prescindere dal fatto che la sua proposta di divorzio dall’UE passi o meno alla Camera dei Comuni al quarto esame. Il voto è previsto per la prima settimana di giugno e ci sono pochi segnali che avrà successo.

Considerato l’umore pro-Brexit tra i membri del partito Conservatore, è probabile che May sarà rimpiazzata da qualcuno più favorevole alla cosiddetta “hard Brexit??? e più a proprio agio con la prospettiva di lasciare l’UE senza accordo. La notizia che l’ex Segretario agli Esteri Boris Johnson avrebbe confermato che si candiderà alla leadership è stata responsabile della maggior parte del calo della sterlina ieri.

Intanto, il dollaro si rafforza ancora contro lo yuan sulla scia dei toni più duri da parte di Pechino. Lo yuan offshore scende al minimo di sei mesi di 6,9449, mentre il tasso ufficiale è salito sopra 6,90 per la prima volta da dicembre.

“Non vediamo alcuna sincerità da parte degli Stati Uniti nel portare avanti le trattative???, si legge in un articolo dell’agenzia di stampa statale Xinhua. “Se gli Stati Uniti ignoreranno la volontà del popolo cinese, allora probabilmente non ci sarà alcuna risposta effettiva da parte della Cina???.

I dati pubblicati questa settimana hanno mostrato un brusco rallentamento sia della produzione industriale che delle vendite al dettaglio ad aprile, persino prima del peggioramento delle trattative commerciali.

“Se il rallentamento delle attività continuerà a maggio e giugno, la crescita del PIL cinese potrebbe scende sotto il 6,0% su base annua nel secondo trimestre del 2019???, scrive Iris Pang, economista di ING. Tuttavia, sottolinea che il rallentamento di aprile potrebbe aver rispecchiato la minore urgenza, da parte di Pechino, di fornire uno stimolo all’economia, considerato che le trattative sembravano stare andando bene all’epoca. Ma quest’urgenza potrebbe facilmente ripresentarsi ora, aggiunge.

 

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notify of
Categories
Tags
BUSINESS
ELON MUSK
IT
SHARES
TECHNOLOGY
TESLA
Want to improve, but don't know how?